Biografia
Scoperte e meriti
Contesto storico
Intervista
Per saperne di più

Le curiosità

Alcune curiosità su Rita Levi Montalcini per capire l’eco della sua fama

La nomina a Senatrice

Nomina a senatrice a vita il Primo agosto 2001 da parte del presidente della Repubblica Carlo Azeglio Ciampi.

Le lauree honoris causa

  • Laurea presso l’Università di Uppsala, il Weizmann Institute di Israele, la Saint Mary University, la Constantinian University, l’Università Bocconi di Milano
  • Laurea in Scienze biologiche presso l’Università di Urbino il 31 maggio 1990
  • Laurea in Medicina veterinaria il 18 settembre 2001 presso l’Università di Bologna
  • Laurea in Farmacia il 17 dicembre 2002 presso l’Università di Ferrara
  • Laurea in Economia e commercio il 19 giugno 2004 presso l’Università degli Studi del Sannio
  • Laurea in Comunicazione multimediale il 4 ottobre 2006 presso l’Università di Perugia
  • Laurea in Ingegneria biomedica il 27 ottobre presso il Politecnico di Torino
  • Laurea in Biotecnologie industriali il 22 gennaio 2008 presso l’Università degli Studi di Milano-Bicocca

I dottorati honoris causa

  • Dottorato in Medicina il 23 ottobre 2008 presso l’Università Complutense di Madrid,
  • Dottorato in Scienze il 23 febbraio 2011 dalla McGill University presso il rettorato dell’Università La Sapienza

I premi

  • Premio Max Weinstein, datole nel 1963, per la prima volta a una donna, da parte dello United Cerebral Palsy Association per i contributi eccezionali nel campo della ricerca neurologica.
  • William Thomson Wakeman Award da parte della National Paraplegia Foundation nel 1974
  • Lewis Horwitz Prize of Columbia University nel 1983
  • Albert Lasker Basic Medical Research Award del 1986
  • Premio internazionale Saint Vincent
  • Premio Feltrinelli
  • Wendell Krieg LifetimeAchievement Award, riconoscimento internazionale istituito dal Cajal Club, la più antica associazione internazionale dedicata allo studio del sistema nervoso
  • Premio Luigi Coppola – Città di Gallipoli, per la ricerca, il 23 febbraio 2008 presso l’Università di Padova
  • Prima medaglia d’onore dell’Accademia di Francia dal direttore dell’Accademia di Francia a Roma, Frédéric Mitterrand

Le associazioni di cui fece parte

  • Membro onorario del Cicap
  • Membro dell’albo d’onore della UNINTESS di Mantova
  • Presidente onorario del Comitato Nazionale per la Bioetica
  • Accademico d’onore dell’Accademia delle Arti del Disegno

Le Accademie di cui fece parte

  • Membro dell’Accademia Nazionale dei Lincei per la classe delle Scienze Fisiche
  • Prima donna a essere ammessa alla Pontificia Accademia delle Scienze
  • Membro dell’Accademia Nazionale delle Scienze detta dei XL
  • Membro della National Academy of Sciences
  • Membro della Royal Society

Le onorificenze

  • Commendatore dell’Ordine al Merito della Repubblica Italiana il 2 giugno 1986
  • Medaglia d’oro ai benemeriti della scuola, della cultura e dell’arte il 31 ottobre 1986
  • Dama di Gran Croce dell’Ordine al Merito della Repubblica italiana l’8 gennaio 1987
  • Medaglia d’oro ai benemeriti della scienza e della cultura il 6 giugno 2001
  • Grand’Ufficiale dell’Ordine della Legion d’Onore (Francia) il 5 dicembre 2008
  • Gran Croce dell’Ordine di Isabella la Cattolica (Spagna)

I conferimenti di cittadinanza onoraria

Fu nominata cittadina onoraria di Benevento, Caprese Michelangelo, Casale Monferrato, Cassago Brianza, Catanzaro, Missaglia, Palermo, Ponte San Nicolò, Roma, Urbino.

Il francobollo

A Rita Levi Montalcini è stato dedicato un francobollo
L’immagine

L’asteroide

L’asteroide 9722 Levi-Montalcini è stato così nominato in suo onore: è un asteroide della fascia principale scoperto nel 1981 presso l’Osservatorio Astronomico di La Silla in Cile.

Le citazioni

Una raccolta di alcune delle più famose citazioni di Rita Levi Montalcini

I messaggi ai giovani

  • “Il messaggio che invio e credo anche più importante di quello scientifico è di affrontare la vita con totale disinteresse alla propria persona, e con la massima attenzione verso il mondo che ci circonda, sia quello inanimato che quello dei viventi. Questo, ritengo, è stato il mio unico merito.”
  • “Dico ai giovani: non pensate a voi stessi, pensate agli altri. Pensate al futuro che vi aspetta, pensate a quello che potete fare, e non temete niente. Non temete le difficoltà: io ne ho passate molte, e le ho attraversate senza paura, con totale indifferenza alla mia persona.”
  • “Meglio aggiungere vita ai giorni che non giorni alla vita.”
  • ” I giovani hanno grandi capacità, ma dal punto di vista culturale sono piuttosto bassi.”
  • “Ho ottimi rapporti con le giovani che lavorano con me, perché sentono che posso aggiungere qualcosa che manca alla loro formazione: l’intuito.”
  • “Ai giovani auguro la stessa fortuna che mi ha condotto a disinteressarmi della mia persona ma di avere sempre una grande attenzione nei confronti di tutto ciò che mi circonda, a tutto quanto il mondo della scienza, senza trascurare i valori della società.”
  • “I giovani di oggi si illudono di essere pensanti. Il linguaggio e la comunicazione danno loro l’illusione di stare ragionando. Ma il cervello arcaico, maligno, è anche molto astuto e maschera la propria azione dietro il linguaggio, mimando quella del cervello cognitivo. Bisognerebbe spiegarglielo.”

L’opinione sul rapporto donne e scienza

  • “Geneticamente uomo e donna sono identici. Non lo sono dal punto di vista epigenetico, di formazione cioè, perché lo sviluppo della donna è stato volontariamente bloccato.”
  • “Nel passato la cultura era accessibile solo a una ristretta élite e alle donne ebree, perché tra gli ebrei la cultura era così amata che superava la differenza di sesso.”
  • ” In Africa ci sono migliaia di donne intelligenti che non hanno la possibilità di usare il cervello. Tutto quello per cui mi impegno in Africa è l’istruzione.”
  • “La donna è stata bloccata per secoli. Quando ha accesso alla cultura è come un’affamata. E il cibo è molto più utile a chi è affamato rispetto a chi è già saturo.”

L’importanza della scienza

  • “Non è passato un secolo dai miei tempi, ma molti secoli. La tecnologia di oggi era impensabile cinquanta-sessant’anni fa. Ma la tecnica da sola non basta, serve una visione più ampia.”
  • ” Il futuro del pianeta dipende dalla possibilità di dare a tutte le donne l’accesso all’istruzione e alla leadership. È alle donne, infatti, che spetta il compito più arduo, ma più costruttivo, di inventare e gestire la pace.”
  • “Nella ricerca scientifica né il grado di intelligenza né la capacità di eseguire e portare a termine il compito intrapreso sono fattori essenziali per la riuscita e per la soddisfazione personale. Nell’uno e nell’altro contano maggiormente la totale dedizione e il chiudere gli occhi davanti alle difficoltà.”
  • “C’è solo una categoria che possa stabilire i limiti alla scienza: gli scienziati. Che non sono affatto delle persone irresponsabili.”
  • “La scienza intimorisce solo chi non la conosce. Colpa anche delle distorsioni dei mass media. Ma in realtà la scienza è l’unica cosa che distingue l’homo sapiens dal resto delle creature viventi. Va coltivata, non certo bloccata.”
  • “Nel 2001 ho avuto l’idea dell’EBRI (European Brain Research Institute). Mi sono chiesta: in che cosa l’Italia ha sempre primeggiato? Nelle neuroscienze. Nel Settecento Galvani e Volta scoprirono l’elettricità animale; a fine Ottocento Golgi inventò la colorazione con l’argento delle cellule nervose: Vittorio Erspamer riuscì a isolare la serotonina e altri neurotrasmettitori e Giuseppe Levi, il mio professore, fu tra i primi a sperimentare la coltura in vitro.”
  • ” Abbiamo scoperto che l’Ngf (Nerve Growth Factor) è molto più di una molecola proteica. Senza la vita, si ferma. Nei topi blocca l’avanzare dell’Alzheimer.”

Testi

Chao, MV.A conversation with Rita Levi-Montalcini, Annual Revue Physiol. 2010
Levi Montalcini, R.Abbi il coraggio di conoscere, Bur 2005
Levi Montalcini, R.L’asso nella manica a brandelli, Baldini Castoldi/Dalai Editore, Milano 1998
Levi Montalcini R.Cantico di una vita, Cortina Raffaello 2000
Levi Montalcini, R.Cronologia di una scoperta, Baldini&Castoldi, Milano 2013
Levi Montalcini, R., Elogio dell’imperfezione, Garzanti, Milano 1987
Levi Montalcini, R.Eva era africana, Gallucci 2005
Levi Montalcini, R.Il tuo futuro, Garzanti, Milano 1993
Levi Montalcini, R.La galassia mente, Baldini&Castoldi, Milano 1999
Levi Montalcini, R.Ritmi d’arte, Serra Tarantola 2008
Levi Montalcini, R., Tripodi, G.I nuovi magellani nell’er@ digitale, Rizzoli, Milano 2006
Levi Montalcini, R., Tripodi, G.L’altra parte del mondo, Rizzoli, Milano 2009
Levi Montalcini, R., Tripodi, G.Lungo le vie della conoscenza. Un viaggio per sentieri inesplorati con Rita Levi Montalcini, Serra Tarantola 2005
Levi Montalcini, R., Tripodi, G., Ferri G.Le tue antenate. Donne pioniere nella società e nella scienza dall’antichità ai giorni nostri, Gallucci 2008
Levi Montalcini, R., Senz’olio contro vento, Baldini Castoldi/Dalai, Milano 2008
Levi Montalcini, R.Tempo di mutamenti, Dalai Editore, Milano 2002
Levi Montalcini, R.Un universo inquieto. Vita e opere di Paola Levi Montalcini, Dalai Editore 2001
Levi Montalcini, R., Angeletti, P., Moruzzi, G., Il messaggio nervoso, Rizzoli, Milano 1975
Levi Montalcini, R., Tripodi, G.La clessidra della vita, Baldini Castoldi/Dalai, Milano 2008
Tripodi, G.La lezione di Rita Levi Montalcini, Rizzoli, Milano 2011

Strumenti

Rita Levi Montalcini in Dizionario biografico degli Italiani, 2013
Nerve Growth Factor in Enciclopedia della Scienza e della Tecnica, vol. II, 2007, pp.177-188
Nerve growth factor as a paradigm for other polipeptide growth factors, a cura di R. Levi Montalcini P. Calissano, in Trends in Neuroscience, 1986, pp. 473-77
The nerve growth factor, a cura di R. Levi Montalcini e P. Calissano, in Scientific American, 240
Neurogenesi in Enciclopedia del Novecento, vol. IV, 1979 pp.637-661

Web

Autobiografia sul sito ufficiale del Premio Nobel
Scheda biografica di Rita Levi Montalcini sull’Enciclopedia online della Treccani
Biografia di Rita Levi Montalcini sul sito di Studenti
Biografia di Rita Levi Montalcini sul sito del Corriere della Sera
Ritratto di Rita Levi Montalcini sul sito di Wired
Ritratto di Rita Levi Montalcini sul sito di 9 Colonne
Quel giovane medico ossolano nel cuore di Rita Levi Montalcini, La Stampa, 02 gennaio 2013
Fondazione Rita Levi Montalcini
Intervista di Rita Levi Montalcini a La Repubblica, 30 dicembre 2012
La biologia dello sviluppo funzionale del cervello. La scoperta dell’NGF

La sezione contiene una breve bibliografia di riferimento delle opere di Rita Levi Montalcini in ordine cronologico e, laddove possibile, viene indicata una scheda di presentazione dei libri e un link a una recensione o una presentazione.

Un ritratto di Rita Levi Montalcini come donna, non solo come scienziata, attraverso contributi video e articoli e una parte dedicata alle sue associazioni.

La vita di Rita Levi Montalcini

La sorella Paola

L’Associazione Rita Levi-Montalcini

L’Associazione EBRI

La sezione contiene alcuni suggerimenti, attraverso link a interviste testuali e video e ad articoli, per approfondire il pensiero scientifico di Rita Levi Montalcini, la sua opinione riguardo alle donne nella scienza e le sue ricerche.

Il suo pensiero su scienza e innovazione

L’apoptosi

L’NGF, Nerve factor Growth

La sezione si suddivide in due parti: nella prima sono suggeriti dei link a interviste video rilasciate da Rita Levi Montalcini in tv, nella seconda sono presenti link a interviste rilasciate dalla scienziata alla carta stampata, a testimoniarne la fama pubblica.

Rita Levi Montalcini e la TV
Rita Levi Montalcini e la carta stampata

Breve rassegna stampa dei principali quotidiani e servizi video e degli interventi di noti personaggi italiani che hanno voluto rendere omaggio a Rita Levi Montalcini il 30 dicembre 2012. Una testimonianza della fama della scienziata torinese.

Press

TV e Web TV

Web

L’ultimo saluto di chi l’ha conosciuta