Descrizione Progetto

Tamiko Thiel

Media Artist

Tamiko Thiel è un’artista visiva di fama internazionale che ‘esplora l’interazione tra luogo, spazio, corpo e identità culturale’.

Tamiko Thiel ha frequentato la Stanford University (1979) e si è laureata in Ingegneria della Progettazione con speciale attenzione ai fattori umani del design. Ha poi ricevuto un Master of Science in Ingegneria Meccanica nel 1983 dal Massachusetts Institute of Technology. Lì, ha studiato il design uomo-macchina nei laboratori di Biomeccanica e la computer grafica nei precursori del Media Lab. Nel 1991, Thiel ha ricevuto il suo Diploma di Grafiche Applicate, specializzandosi in video installazione d’arte, dall’Accademia di Belle Arti di Monaco di Baviera.

La prima carriera di Thiel è nel design del prodotto, lavora da Hewlett-Packard nella Divisione Data Terminals. Ha poi lavorato al Thinking Machines Corporation con Danny Hillis, Richard Feynman e Bewster Kahle, dirigendo il team di design che ha creato il boolean n-cube hypercube chassis che ha definito l’aspetto dei supercomputer Connection Machine CM-1 e CM-2.

Dal novembre 1994 al febbraio 1996 ha lavorato come direttore creativo e come producer del sistema iniziale di Starbright World, lavorando a stretto contatto con Steven Spielberg per creare un mondo 3D virtuale interattivo per bambini gravemente malati. Da allora, Thiel ha fatto molte mostre, tra cui una delle più importanti è ‘Beyond Manzanar’ (una pièce su un campo di internamento giapponese-americano in California durante la Seconda Guerra Mondiale), ‘I viaggi di Mariko Horo’, e ‘Ombre di Assenza’. È uno dei membri fondatori di Manifest.AR, un gruppo di artisti che si focalizza sulla realtà aumentata, con cui lei ha organizzato interventi spontanei alla Corcoran Art Gallery nel 2013, alla Tate Modern nel 2012, alla Biennale di Venezia nel 2011, e al Museo di Arte Moderna (New York) nel 2010.

Negli ultimi 15 anni, la sua attività si è concentrata su installazioni di realtà virtuale ‘site specific’. Le sue opere sono state esposte in luoghi di prestigio internazionale tra cui l’International Centre of Photography (New York City), DUMBO Arts Festival (Brooklyn), Institute of Contemporary Art (Boston), Corcoran Gallery of Art (Washington, D.C.), ZKM (Karlsruhe), Tokyo Metropolitan Museum of Photography, Art Gwanju, Fondazione Querini Stampalia (Venezia), Ars Electronica, SIGGRAPH e ISEA.

Per descrivere in maniera completa i luoghi in cui l’opera di Thiel è esposta, bisogna considerare che la sua piattaforma preferita è la realtà aumentata. Con l’uso di Layar, un visualizzatore di realtà aumentata, i lavori di Thiel possono essere visti nella Borsa di New York, alla Tate Modern di Londra, al MoMa di New York, sul Muro di Berlino, a Piazza San Marco a Venezia, Istanbul e in molti altri luoghi.

Tamiko Thiel is an internationally active American media artist who specializes in “exploring the interplay of place, space, the body and cultural identity”.

Tamiko Thiel attended Stanford University and graduated with a B.S. in Product Design Engineering with an emphasis on human factors design in 1979. She later went on to receive her M.S. in Mechanical Engineering in 1983 from the Massachusetts Institute of Technology. There, she studied human-machine design at the school’s Biomechanics Lab and computer graphics at the precursors to the Media Lab. In 1991, Thiel received her Diploma in Applied Graphics, specializing in video installation art, from the Academy of Fine Arts in Munich, Germany.

Thiel’s first career was in product design, working at Hewlett-Packard Data Terminals Division. She later worked at Thinking Machines Corporation with Danny Hillis, Richard Feynman and Brewster Kahle, heading the design team that created the boolean n-cube hypercube chassis that defined the Connection Machine CM-1 and CM-2 supercomputers’ appearance.

From November 1994 to February 1996 she worked for Starbright World as the creative director and producer of the initial system for the Starbright World project, working closely with Steven Spielberg, to create an online interactive 3D virtual world for seriously ill children. Since then, Thiel has had many other exhibits, some of the most notable being her shows “Beyond Manzanar” (a piece about a World War II-era Japanese-American internment camp in California), “The Travels of Mariko Horo”, and “Shades of Absence”. She is also one of the founding members of Manifest.AR, a group of artists focused on augmented reality, with which she staged spontaneous interventions at Corcoran Gallery of Art in 2013, Tate Modern in 2012, the Venice Biennial in 2011, and Museum of Modern Art (New York City) in 2010.

Thiel’s artwork for the last 15 years has focused on “site specific virtual reality installations”. Her art has been displayed in international venues including the International Center of Photography (New York City), DUMBO, the Institute of Contemporary Art (Boston), the Corcoran Gallery of Art (Washington, D.C.), ZKM (Karlsruhe), Tokyo Metropolitan Museum of Photography, Art Gwanju, Fondazione Querini Stampalia/Venice, Ars Electronica, SIGGRAPH and ISEA. To completely describe the venues in which Thiel’s artwork is on display one must take into consideration that her chosen platform is augmented reality. With the use of Layar, an augmented reality viewer, Thiel’s works can be layered over locations such as the New York Stock Exchange, the Tate Modern Museum in London, New York’s Museum of Modern Art, the Berlin Wall, Piazza San Marco Venice, Istanbul, and many other locations.

Intervista a Tamiko Thiel

Per la tua privacy YouTube necessita di una tua approvazione prima di essere caricato. Per maggiori informazioni consulta la nostra Privacy Policy.
Ho letto la Privacy Policy ed accetto